titolo-pagine-divino

Il vino e l’inchiostro.

L’associazione Contestarte ospita all’interno delle mura medievali di una Locanda 5 tatuatori in veste di illustratori che realizzeranno durante la serata degli sketch utilizzando solo la pigmentazione naturale del vino al posto dell’inchiostro; una performance live a metà tra il laboratorio di disegno e la più classica degustazione di vino. Il vino non é fatto solo per essere bevuto, alle volte si stende su carta e si aspetta che si compia il miracolo. Divino Dipingo è una serata dedicata al vino e all’inchiostro in punta di pennino. I tavoli del ristorante si trasformano in tavoli da disegno, dove con una tavolozza a misura d’uva, gli artisti si potranno sbizzarrire a dare forma alle loro visioni con sobrietà ed ebbrezza. I tatuatori sono ambulanti portatori sani di arte anche se questo é noto ancora a pochi. In quest’occasione il vino non si berrà soltanto, il vino diventa pigmento. Ogni partecipante potrà portarsi a casa un vinarello.

Il disegno è una sana abitudine come il vino ma solo per chi lo sa bere.


GALLERY